TOP

Diritto Bancario

Lo studio dell’avvocato Francesco Chiarappa assiste clienti in relazione ai rapporti con banche ed intermediari finanziari, con specifico riferimento alle problematiche di usura e anatocismo, commissione di massimo scoperto, su rapporti di conto corrente, apertura di credito, mutui, leasing, contratti di finanziamento, strumenti derivati, cessioni del quinto, cartelle di pagamento Equitalia e piani di ammortamento.

Nella fase di valutazione del prodotto bancario e assicurativo, ed in sede di consulenza tecnica di parte, lo studio si avvale esclusivamente di professionisti di fiducia i quali, attraverso perizie econometriche, esaminano con rigore e serietà l’esistenza dei presupposti per la proposizione di azioni giudiziarie.

L’avvocato Chiarappa ha studiato la procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento sin dalla pubblicazione della legge n. 3/2012, aggiornandosi sulle successive modifiche, ed è in grado di assistere i propri clienti in relazione alle procedure di esdebitazione previsti dalla normativa.

Per una breve guida sulle procedure da sovraindebitamento vi invitiamo a leggere https://www.studiolegalechiarappa.it/contenuti/296/Sovraindebitamento.pdf.

Per qualsiasi richiesta può contattare lo studio su https://www.studiolegalechiarappa.it/it/contattaci.html.

Materiale di interesse

Banca e ritardo rinuncia agli atti esecutivi dopo pagamento

La banca non risponde delle occasioni perdute dal proprietario dell'immobile pignorato che dopo aver estinto il debito non sollecita l'istituto alla rinuncia agli atti esecutivi. Lo ribadisce la Corte di Cassazione (sentenza 27545/2017).Lo studio opera in tutta Italia. Se necessita di consulenza,...
Continua a leggere

Correntista e comportamento della banca in caso di bonifico

La banca che disponga un bonifico sulla base di un fax poi disconosciuto dal titolare del conto compie un atto legittimo se l'istituto disponeva di altri elementi, quali il riconoscimento della voce al telefono, i dati personali, ecc., per ritenere che effettivamente l'ordine fosse partito dal...
Continua a leggere

Crisi di impresa e centrale rischi

La banca non può segnalare l'imprenditore alla centrale rischi solo a causa del mancato rispetto delle scadenze relative a un mutuo. Prima di far inserire il nominativo del cliente nella lista dei soggetti a rischio di insolvenza è, infatti, necessario essere certi che la difficoltà economica non...
Continua a leggere

Inadempimento delle banche fallite verso correntisti e contenzioso contro le nuove banche

Per gli azionisti della banche in default non correttamente informati dalle loro ex banche si apre un'altra strada per ottenere il ristoro dei danni patrimoniali subiti. E' il caso di un correntista che ha ottenuto la condanna della Nuova Cassa di Risparmio di Ferrara l'ente ponte creato per la...
Continua a leggere

Condannata la banca che segnala il cliente alla centrale rischi

La banca che segnala un cliente alla centrale rischi senza che vi siano i requisiti previsti dalla normativa, deve essere condannata a risarcire i danni. Lo ha deciso la Cassazione Civile (sentenza n. 25512/2017) che ha dato ragione alla società che ha dimostrato l'assenza dei requisiti richiesti...
Continua a leggere

Banca e ordine di bonifico falso

La banca che esegue un ordine di bonifico perfettamente falsificato e ricevuto tramite canali non usuali, risponde del danno nei confronti del cliente.Lo ha deciso la Corte di Cassazione (sentenza n. 23580/2017) che ha dato ragione al cliente perchè la banca aveva dato esecuzione a un ordine di...
Continua a leggere

La assistenza del legale nella mediazione obbligatoria su cause con consumatori è facoltativa

Chi assume il ruolo di consumatore in una causa dove la mediazione è obbligatoria, non ha bisogno di essere assistito da un avvocato nel procedimento di mediazione.Lo afferma il Tribunale di Verona (sentenza 28/09/2017) che rileva come ai fini dell'applicazione del principio in esame la procedura...
Continua a leggere

No alla compensazione tra conto corrente e conto titoli

Se la banca ha chiesto di rientrare dallo scoperto oppure ha notificato un decreto ingiuntivo per il pagamento della relativa somma, il cliente non può chiedere di compensare il rosso del conto corrente con i crediti rappresentati dai titoli gestiti dalla banca per suo conto.La Corte di Appello di...
Continua a leggere

Somma degli interessi corrispettivi e moratori per il tasso di usura

In materia di mutui, segnaliamo che la Cassazione Civile (sentenza n. 23192/2017) ha affermato che gli interessi corrispettivi e gli interessi moratori devono sommarsi tra loro per il calcolo del tasso soglia di usura. Questo significa che tali interessi sono rilevanti ai fini dello sforamento del...
Continua a leggere

Il solo ritardo non sufficiente per segnalazione alla centrale rischi

La Corte di Appello di Milano (sentenza 2748/2017) ha affermato che un semplice ritardo del cliente nel pagamento del rimborso di un debito contratto con una finanziaria, non può permettere a quest’ultima di segnalarlo alla centrale rischi della Banca di Italia. La finanziaria è stata condannata...
Continua a leggere

Pagina 3 di 7