TOP

Dare soldi in cambio di lavoro

Data pubblicazione: 06/04/2018

Dare dei soldi a qualcuno per procurare ad un proprio parente un posto di lavoro è non solo una prassi illecita ma anche contraria la “buon costume” per cui il denaro versato non può in nessun caso essere richiesto, applicandosi il principio della “soluti retentio”, vale a dire della ritenzione di ciò che è stato pagato, e non quello dell'«indebito oggettivo».

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (n. 8169/2018).

Per consulenza su di un caso analogo, informazioni oppure per ricevere gratuitamente il testo integrale del provvedimento chiami lo 080/8807392, scriva a info@studiolegalechiarappa.it oppure ci contatti attraverso la sezione www.studiolegalechiarappa.it/contatti